Press "Enter" to skip to content

Online il portale ENEA per le detrazioni fiscali 

Dal 21 novembre 2018 è online il portale ENEA per poter presentare la Comunicazione ENEA obbligatoria per ottenere le detrazioni fiscali sulle ristrutturazioni e sugli interventi per migliorare l’efficienza energetica. Il portale diventa lo strumento necessario attraverso il quale inviare la Comunicazione ENEA e tutte le informazioni richieste, per poter accedere alle detrazioni fiscali sul 50% degli interventi edilizi e di quelli tecnologici.

Il sito ufficiale è stato presentato dal Sottosegretario del Ministero dello Sviluppo Economico Davide Crippa, e dal presidente ENEA Federico Testa. I cittadini possono usare il portale per la presentazione della Comunicazione ENEA in tutte le ipotesi in cui essa è obbligatoria per l’accesso alle agevolazioni fiscali. Fino all’anno scorso era sufficiente inviare solamente la documentazione che dimostrava che si avevano sostenuto diversi interventi per migliorare l’efficienza energetica della casa ma da oggi le cose cambiano.

La legge di Bilancio 2018 ha infatti introdotto l’obbligo di effettuare la trasmissione delle comunicazioni ad ENEA sui lavori effettuati in casa per i quali si vuole accedere al Bonus Casa o ristrutturazioni. Vi sono comunque delle regole da seguire, ma prima di tutto andiamo a vedere cosa è di preciso la Comunicazione ENEA e a che cosa serve. Essa è una comunicazione che include dati del beneficiario dell’agevolazione, il tipo di immobile e il tipo di lavori che hanno migliorato l’efficienza energetica della casa.

Quando è obbligatoria la Comunicazione ENEA?

La Comunicazione ENEA è obbligatoria per l’accesso alle detrazioni ed alle agevolazioni per gli interventi specifici che riguardano il miglioramento dell’efficienza e del risparmio energetico nella casa, le ristrutturazioni, l’installazione di elettrodomestici di classe energetica elevata, i restauri, la sostituzione di caldaie e scaldacqua e molti altri interventi, come ci spiegano i responsabili del sito eneaonline.it (sul quale potete anche trovare informazioni in merito al prezzo della comunicazione ENEA).

Come si usa il sito ENEA

Ma come si fa ad inviare la Comunicazione ENEA obbligatoria per mezzo del sito? Posto che si possono usare anche siti appositi per inviare la domanda, il sito ufficiale è solamente quello di Enea e bisogna seguire alcune procedure per inserire la Comunicazione ENEA e spedirla correttamene.

Innanzitutto bisogna sapere che la Comunicazione ENEA va spedita entro 90 giorni dalla conclusione dei lavori o dal collaudo. Per poter inviare la Comunicazione ENEA bisogna accedere al sito ufficiale ENEA e procedere alla compilazione della dichiarazione di detrazione nel modo che vedremo.

La documentazione va inviata (sempre telematicamente) all’Agenzia, stampata, firmata e quindi conservata perché potrebbe tornare utile in caso di controlli sulle detrazioni fiscali.

Comunque potete rivolgervi a servizi come quelli degli intermediari per la compilazione corretta della dichiarazione e per evitare errori.

Detto questo, una volta che avrete fatto accesso sul portale ENEA, dovete per prima cosa registrarvi, usando nome cognome e mail (che diventerà il vostro ID User). Quindi potete cominciare a compilare le dichiarazioni su:

  • i vostri dati anagrafici (beneficiario del bonus fiscale)
  • le informazioni sull’immobile dove è stato fatto l’intervento o la ristrutturazione
  • il tipo di intervento. Ricordiamo che in caso di lavori per i quali sia chiesto l’obbligo di asservazione del tecnico dovete conservare il documento cartaceo con firma e timbro del tecnico che l’ha compilato.

Ricordiamo che la Comunicazione ENEA deve indicare non il complesso delle spese sostenute per i lavori o la ristrutturazione ma solo quei lavori che hanno effettivamente comportato un miglioramento dell’efficienza energetica o del risparmio energetico.

Prima di inviare la Comunicazione ENEA controllate sempre con molta cura le informazioni sul tipo di immobile e il tipo di intervento che avete effettuato. Potete comunque fare riferimento alla schede tecniche aggiornate dall’ENEA per il 2018 ed al vademecum ENEA per controllare quali lavori sono inclusi nella Comunicazione ENEA da inviare.

Ti potrebbe interessare anche:

Comments are closed.