In un mondo dominato dalle apparenze, dal sembrare, più che dall’essere, certi delle nostre sicurezze sociali, facciamo fatica ad accettare la diversità

Quello che ancora oggi è uno dei detti più conosciuti ed utilizzati nella nostra epoca: “far di tutta un’erba un fascio” è indicativo, di come si possa associare erroneamente, il colore della pelle a certe caratteristiche che appartengono solo a specifici individui e non a tutta una intera comunità di persone.

Specialmente, oggi, in tempi in cui veniamo letteralmente invasi da persone di diverso aspetto e cultura, una sorta di invasione aliena, dove gli invasori però sono umani come noi, che vivono sul nostro stesso pianeta e in cui noi siamo gli artefici per via delle politiche di conquista imperialiste condotte negli ultimi secoli dalle nazioni occidentali e sfociate nel neo colonialismo imperialista di stampo occidentale, venuto al suo culmine distruggendo le uniche democrazie mediorientali, la Libia, l’ Iraq, la Siria.

Un’onda anomala creata a tavolino per destabilizzare l’occidente intero, specialmente l’Europa, centro di pensiero e direzionale del nuovo ordine mondiale, che con il piano Kalergi vuole diminuire il quoziente di ribellione tramite l’applicazione della legge marziale che la shari’a incarna perfettamente.

Insomma un dominio culturale e religioso per tenere schiave le persone e diminuire il ruolo della donna a quello di serva dell’uomo.

Questo video nasce dalla necessità di far pensare che c’è qualcosa di più oltre che l’apparenza.

Commenti

commenta