Press "Enter" to skip to content

Come smaltire i pannolini in casa?

Uno dei crucci delle mamme è come smaltire i pannolini in casa. Il nuovo arrivato ne produce in quantità infinita e ciò crea un dilemma

Il difficile compito di smaltire i pannolini

I pannolini sono stati pensati appositamente per facilitare la vita di bimbi e mamme; realizzati con prodotti sintetici molto resistenti, resistono all’acqua e all’umidità per moltissime ore ma, proprio per la loro formulazione chimica, potrebbero inquinare l’ambiente per più di trent’anni se smaltiti senza criterio. Per saperne di più su questo argomento e sulle alternative valide, ci sono diversi articoli interessanti su questa tematica (https://www.corriere.it/tecnologia/economia-digitale/cards/come-si-fa-riciclare-pannolinia-treviso-esiste-primo-centro-specializzato/pannolini-assorbenti_principale.shtml). La regola è sostituire il pannolino fino a 9/10 volte nei primi mesi e diminuire questo valore fino a 4-5 con l’andare del tempo. I pannolini vanno sempre gettati tra i rifiuti indifferenziati ma potrebbe essere sgradevole avere dei pannolini sporchi in casa, specialmente se con un odore intenso. Proprio per questo proposito è stato inventato un dispositivo innovativo ed efficiente: il mangiapannolini, il re dello smaltimento pannolini in casa.

L’utilizzo di un mangiapannolini

Il funzionamento di un mangiapannolini è molto semplice: esso consente l’avvolgimento di ogni singolo pannolino con una pellicola antibatterica che isola il pannolino e permette di creare una barriera con l’esterno. L’obiettivo è evitare eventuali colamenti a lungo termine e impedire all’odore di espandersi nell’ambiente. Ci sono diversi mangiapannolini in commercio, tutti accomunati dalla stessa linea di base ma differenziati per rispondere a determinate esigenze. Ci saranno mangiapannolini con freni integrati per cambiare sacchetto senza smuovere il coperchio, altri con tecnologia avanzata per creare una barriera di ossigeno che intrappoli i cattivi odori al 100%.
Il consiglio è di analizzare la scheda di ognuno di essi e capire cosa sia più conforme alle proprie necessità.

Mangiapannolini Tommee Teppee

Questo mangiapannolini è uno dei più conosciuti del settore, potremmo considerarlo un vero e proprio pioniere. I due modelli più acquistati sono Sangenic e Sangenic Tec.
Il primo è uno dei più economici del mercato, caratterizzato da un meccanismo intuitivo e che può essere attivato con una sola mano. La mamma può quindi tenere in braccio il bambino senza doverlo necessariamente poggiare. Le ricariche sono abbastanza dispendiose e ciò è un deterrente per molti clienti. La versione Sangenic Tec è più costoso ma ha una struttura e un meccanismo superiori alla media. I pannolini vengono avvolti con pellicola antibatterica dal forte potere antiodore. Con una capienza media di circa 28 pannolini, non sorprende sia uno dei più scelti, segno del suo buon funzionamento.

Mangiapannolino Maialino Foppapedretti

Questo mangiapannolini ha un design sinuoso e affusolato ma con dimensioni ridotte che consentono di risparmiare notevole spazio in casa. Il cestino crea una barriera di ossigeno tra il pannolino e l’esterno, in modo da schermare i cattivi odori e tenerli bloccati al suo interno.
I pannolini si gettano con una sola mano e, una volta che la busta interna sarà riempita, basterà semplicemente togliere il coperchio ed estrarla.
Il mangiapannolini Maialino Foppapedretti è anche dotato di un taglierino interno che taglia il sacchetto in modo istantaneo e rapido.
Può contenere fino a 180 sacchetti e ciò compensa l’alto costo delle ricariche.

Mangiapannolini Diaper Champ

Il Diaper Champ è comodo quando i genitori necessitano di un cesto capace di immagazzinare molti pannolini in attesa della raccolta urbana. Può contenere infatti fino a 30 pannolini e ciò spiega le dimensioni più ingombranti rispetto ad altri.
Una delle caratteristiche più amate è la presenza del freno che permette di cambiare sacchetto senza aprire il contenitore, ottimo per bloccare fin dal principio eventuali fuoriuscite maleodoranti.
Un’altra funzionalità ammirevole è che non necessita di ricariche ben precise ma è possibile utilizzarlo con qualsiasi tipo di sacchetto, con un forte risparmio economico (a fronte di un costo eccessivo del mangiapannolini).

Mangiapannolini Chicco

Semplice e basic, questo cestino è stato pensato per facilitare la vita dello smaltimento pannolini in casa in maniera molto semplice. Utilizzabile anche con i comuni sacchetti di plastica, il mangiapannolini ha una tecnologia brevettata contro i cattivi odori e una serie di guarnizioni che ne garantiscono la durevolezza.
L’unica attenzione è nell’igienizzare periodicamente la plastica per evitare che si impregni dell’olezzo dei pannolini.

Per conoscere meglio questo mondo e cambiare il vostro approccio allo smaltimento dei pannolini, date un’occhiata a https://www.mangiapannoliniericariche.it per capire meglio cosa si adatta maggiormente al vostro stile. L’ambiente vi ringrazierà e anche il vostro bambino.

Ti potrebbe interessare anche:

Comments are closed.